LA PROIEZIONE

ISCRIVETEVI MIO CANALE YOUTUBE:
https://www.youtube.com/c/CristianaCarpentieri29




Proiezione: è un tratto fortemente presente nella personalità con disturbo paranoide e si manifesta con un temperamento fortemente critico e opprimente. Il proiettivo è spesso un tipo aggressivo che giudica continuamente gli altri colpevolizzandoli e lamentandosi perché “le cose non vanno come dovrebbero andare”. Proiettare significa mettere fuori, attribuire all’esterno ciò che in realtà appartiene al sé. E’ un meccanismo per cui l’individuo non riesce ad accettare la consapevolezza delle proprie pulsioni, cariche d’eccitazione e di distruttività, sia di tipo sessuale che di tipo aggressivo, che non riconosce in sé e per questo motivo butta fuori. Un esempio tipico è il pregiudizio razziale o sessuale sulla diversità tra gli uomini in genere e le culture. Si demonizza il prossimo attribuendogli caratteristiche negative, perverse, discutibili poiché l’individuo non riconosce o rifiuta certi aspetti di sé preferendo rigettarli sul mondo. Purtroppo la storia passata e presente ci dice quante sono state le guerre o i conflitti esterni ed interni sorti da questi atteggiamenti di intolleranza. Non si accettano i propri sentimenti e le proprie azioni, non si ammettono i propri torti, che vengono, così, attribuiti agli altri. Il proiettivo in genere è un tipo freddo e chiuso ed è inconsapevole di respingere il contatto con gli altri. In generale è un disturbo caratteristico di persone fortemente aggressive che giustificano il proprio vissuto per difendersi dalla cosiddetta minaccia degli altri: “non sono io che sono arrabbiato o ostile … siete voi che mi guardate male e con diffidenza… che ce l’avete con me!” A volte la proiezione ha anche una sua utilità. Un romanziere per esempio, se non è un po’ proiettivo, come fa ad inventarsi le sue storie ed i personaggi? Le storie infatti sono le proiezioni di aspetti interni messi all’esterno. Anche molti giochi, come ad esempio il gioco degli scacchi si basano sulla proiezione, che ha in questo caso la funzione di anticipare i movimenti dell’altro. Più in generale il pensiero strategico ha bisogno di un po’ di proiezione. 

Commenti